27/05/2024
Abbiamo votato democraticamente, e questi 6 dischi si andranno a sommare ai sei dischi della seconda metà del 2020. A fine anno, vi racconteremo dei nostri migliori 12 album. In coda all’articolo, trovate altri 24 dischi che fareste bene ad ascoltare

Il 2020 in corso verrà ricordato in primis come l’anno della terribile pandemia. Passiamo alla musica: questo anno ha regalato agli appassionati un ventaglio di proposte varie e interessanti. In redazione abbiamo consumato moltissimi dischi, e fare una selezione è stato difficile. Abbiamo votato democraticamente, e questi album si andranno a sommare ai sei dischi della seconda metà del 2020. A fine anno, vi racconteremo dei nostri migliori 12 album. In coda all’articolo, trovate altri 24 dischi che fareste bene ad ascoltare. 


12:16:58  – 05/07/2020

Ecco i nostri migliori album da gennaio a giugno: 

1 – FIONA APPLE – FETCH THE BOLT CUTTERS 
(art pop)

È molto difficile descrivere musicalmente Fetch The Bolt Cutters, ma il livello dei pezzi è elevatissimo e suona decisamente già ora come un classico. Una volta addentraticisi, le suggestioni che ne scaturiscono sono molteplici e molto probabilmente ne scopriremo ancora e ancora, ascolto dopo ascolto, nel tempo. Tanto basta a farci nascere il sospetto che siamo davvero di fronte a un piccolo, grande capolavoro. Nel frattempo, impugniamo le tronchesi e liberiamo le energie. E ringraziamo Fiona Apple per averci regalato questo fenomenale disco.

LEGGI ANCHE ——-> Fiona Apple – ‘Fetch The Bolt Cutters’


2- STROKES – THE NEW ABNORMAL 
(indie-rock)

Tutti i brani sono firmati, per la prima volta, con il nome della band, eppure non abbiamo mai visto così a fuoco il loro frontman: la sua estensione vocale è da brividi e ce lo dimostra a più riprese, senza che l’intonazione ne risenta. Non ci aspettavamo un ritorno così agrodolce, però forse toccava proprio agli Strokes donarci un’opera così valida, così onesta. Un lavoro che non puoi, come succede abitualmente, consumare e lanciare nell’oblio. Un sentito “grazie”. 

LEGGI ANCHE ——-> The Strokes – ‘The New Abnormal’


3 – YVES TUMOR – HEAVEN TO A TORTURED MIND
(neo-psychedelia/noise/electronic)

Come mai questo album, che attinge così tanto da sonorità del passato e della contemporaneità sembra l’incarnazione della musica che ascolteremo nel futuro? La nostra previsione è che sarà l’ibridazione continua di generi e stili a dominare progressivamente il mercato della musica di domani, e Yves Tumor, come forse anche altri, ne impersonano sicuramente la prima linea.

LEGGI ANCHE ——-> Yves Tumor – ‘Heaven To a Tortured Mind’


4- BAXTER DURY – THE NIGHT CHANCERS
(Alternative Pop, Songwriting)

The Night Chancers è colmo di ingredienti che fanno di Baxter Dury il cantautore kitsch che mancava terribilmente al panorama musicale contemporaneo, sempre meno variegato, e può fungere da porta per recuperare gli altri cinque album della sua discografia. Il britannico, come Dan Bejar, ha raccolto meno del dovuto. Ma Baxter Dury è uno dei pochi artisti ancora in grado di disegnare immaginari poco consueti. Ottima prova. 

LEGGI ANCHE ——-> Baxter Dury – ‘The Night Chancers’


5- MOSES SUMNEY – GRæ PART 1 + PART 2
(Electro soul, Baroque pop)

Moses Sumney non ha avuto paura di osare. Con questo disco entra di diritto in quella cerchia di artisti che vanno oltre la musica e abbracciano l’arte nella forma più pura. Era d’altronde inevitabile che accadesse: non è possibile contenere in confini precostituiti una personalità così camaleontica e inclassificabile come la sua, di cui continueremo a seguire l’ascesa.

LEGGI ANCHE ——-> Moses Sumney – Græ Part 1 + Part 2


6- PORRIDGE RADIO – EVERY BAD 
(Art-rock, songwriter, sadcore)

Quarantuno minuti che rappresentano al meglio tutte le conseguenze emotive date dalla sensazione di non essere nel posto giusto, con l’insoddisfazione, l’alienazione e il nervosismo che la fanno da padroni. Necessariamente meno audace e più studiato rispetto al repertorio precedente, è comunque un disco di grande impatto e perfetto per la situazione che tutti noi stiamo vivendo, costretti in casa e sentendoci forzati a stare in un posto che normalmente dovrebbe essere il nostro rifugio e che, invece, si sta trasformando in un luogo foriero di disagio e frustrazione.

LEGGI ANCHE ——-> Le migliori uscite discografiche della settimana – 13 marzo –


Ecco infine 24 dischi – pubblicati da Gennaio a Giugno – che dovreste ascoltare:

 

7 – CARIBOU – SUDDENLY | indietronica, dancefloor

8-  PERFUME GENIUS – SET MY HEART ON FIRE IMMEDIATLY | baroque pop

9- KHRUANGBINMORDECHAI | psych pop

10- KING KRULE – MAN ALIVE! | no wave, post punk

11- MUZZMUZZ | art rock, post-punk, folk, psichedelia

12- BILL FAY COUNTLESS BRANCHES | prog-folk

13- BOB DYLAN ROUGH AND ROWDY WAYS | folk-rock

14- THE DREAM SINDYCATETHE UNIVERSE INSIDE | psych-rock

15- DESTROYERHAVE WE MET | lo-fi, baroque pop, indie rock

16- DISQCOLLECTOR | power-pop

17- BADLY DRAWN BOY BANANA SKIN SHOES | indie-pop

18- ARCA – KICK I  | glitch, synth pop 

19- PINEGROVEMARIGOLD | indie-rock

20- TIM BURGESS I LOVE THE NEW SKY | indie-pop 

21- LAURA MARLINGSONG FOR OUR DAUGHTER | indie-folk

22- NEIL YOUNG HOMEGROWN | folk-rock

23- LORENZO SENNI SCACCO MATTO | elettronica

24- MAC MILLER CIRCLES | R&B 

25- THE COOL GREENHOUSE THE COOL GREENHOUSE | post-punk

26- RUN THE JEWELS RTJ4 |  hip-hop

27- MAGNETIC FIELDS – QUICKIES | indie-pop

28- DUA LIPAFUTURE NOSTALGIA | dance pop

29- AKSAK MABOULFIGURES | avant rock, experimental

30- NICOLAS JAARCENIZAS | ambient 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *