23/05/2024
taliking-heads-reunion - www.infinite-jest.it

credit photo: wikipedia

Dopo venti anni i Talking Heads si sono riuniti in occasione della presentazione del film/concerto 'Stop Making Sense'.

Dopo venti anni i Talking Heads si sono riuniti in occasione della presentazione del film/concerto ‘Stop Making Sense’.

14:39:24  – 12/09/2023


taliking-heads-reunion - www.infinite-jest.it
credit photo: wikipedia

Per i fan della musica l’evento più importante del Toronto International Film Festival di quest’anno non era per il nuovo film d’autore di Hayao Miyazaki o Ryusuke Hamaguchi, ma per assistere al talk celebrativo in occasione del 40° anniversario del film-concerto diretto da Jonathan Demme ‘Stop Making Sense’ che il prossimo 22 settembre tornerà, rimasterizzato, nei cinema americani e che racconta i Talking Heads. L’evento è stato moderato dal regista Spike Lee. 

La chiacchierata di 25 minuti è stata la prima occasione che ha visto i membri della band  insieme da quando sono stati inseriti nella Rock & Roll Hall of Fame nel 2002. David Byrne ha commentato: Mentre lo guardavo ho pensato: questo è il motivo per cui veniamo al cinema. E’ diverso che guardarlo sul mio laptop. E’ del tutto differente.” Più articolato il punto di vista di Jerry Harrison: “Dico che una delle cose meravigliose è il fatto che esista una nuova tecnologia, ciò significa che abbiamo quasi l’onere di adattarci e portarla al livello di ciò che la gente può ascoltare ora nei cinema. È un piacere vedere che abbiamo ritrovato i negativi originali e quindi abbiamo potuto riportarli in vita il meglio possibile…”

La bassista Tina Weymouth ha chiosato: “Ho adorato lo spettacolo. E’ stato magico. Era davvero tutto speciale… il lavoro di squadra, la nostra troupe, la troupe cinematografica, è stato tutto fantastico.” Un grande passo in avanti visto che, Byrne ha resistito all’idea di una riunione dei Talking Heads, dicendo che un tale ritorno sarebbe “probabilmente un bel po’ di passi indietro”. Ha ulteriormente ampliato in un’intervista con WIRED l’anno scorso, dicendo:

“Penso che, in poche parole, potrei dire che ci siamo riuniti più come amici che come, sai, musicisti incredibili. Era davvero una sorta di gusto musicale condiviso. E poi gradualmente, man mano che invecchi e cresci ed esplori, i tuoi gusti musicali iniziano a cambiare. È diventato più lavoro che abbiamo fatto, non uscivamo più tutto il tempo, quindi alla fine ti allontani in quel modo.” 

Il trailer:


LEGGI ANCHE ——-> Compie 39 anni ‘Remain in Light’: la rivoluzione ritmica dei Talking Heads

LEGGI ANCHE ——-> Compie 41 anni ‘More songs about buildings and food’: il disco completo dei Talking Heads


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *