In Notizie

Morrissey: il cantante scrive una lunga lettera a Johnny Marr

Morrissey ha rilasciato una dichiarazione in cui ha chiesto al suo ex compagno di band degli Smiths Johnny Marr di smettere di menzionarlo quando rilascia interviste.

10:03:51  – 26/01/2022


credit photo: Charlie Llewell

L’interminabile saga Morrissey – Marr 

Dopo apparenti periodi di tregua è tornata di moda la diatriba interna tra gli ex Smiths, Morrissey e Johnny Marr. Lo storico frontman della band ha rilasciato una lunga dichiarazione in cui ha esplicitamente chiesto a Marr di smettere di menzionarlo durante le interviste. Il Moz lo ha scritto attraverso un post sul suo sito web Morrissey Central.

Questo non è uno sfogo o una bomba isterica. È una richiesta educata e misurata con calma: la smetti di menzionare il mio nome nelle tue interviste? Vorresti, invece, discutere della tua carriera, dei tuoi inarrestabili successi da solista e della tua musica? Se puoi, per favore, mi lasceresti fuori da tutto questo? Il fatto è: non mi conosci. Non sai niente della mia vita, delle mie intenzioni, dei miei pensieri, dei miei sentimenti. Eppure parli come se fossi il mio psichiatra personale con accesso coerente e ininterrotto al mio istinto.

Non ci conosciamo da 35 anni, ovvero molte vite fa. Quando abbiamo incontrato te e io non abbiamo avuto successo. Entrambi ci siamo aiutati a vicenda a diventare quello che siamo oggi. Non puoi semplicemente lasciar perdere? Devi insistere, anno dopo anno, decennio dopo decennio, incolparmi di tutto… dallo tsunami delle Isole Salomone del 2007 alla bavetta di tua nonna?

Ti ho ispirato abbastanza da fare musica con me per 6 anni. Se, come dici, ero quest’orribile mostro, cosa ti avrebbe fatto lui? Rapito? Incatenato? Sequestrato da alieni strabici? Sei stato ta a suonare la chitarra in Golden Lights, non io. Certo, sappiamo entrambi che la stampa britannica pubblicherà sempre tutto ciò che dici sul mio conto, finché saranno cose crudeli e brutali. Ma lo hai già fatto, ora vai avanti.

È come se non potessi nemmeno disincrociare le gambe senza menzionarmi. Il nostro tempo è stato molte vite fa, e ne è passato di sangue sotto i ponti da allora! È arrivato il momento di assumerti la responsabilità delle tue azioni e della tua carriera, che ti auguro di goderti in buona salute. Basta che la smetti di usare il mio nome per fare del click-bait. Non ho mai attaccato il tuo lavoro da solista o la tua vita, e ho pubblicamente applaudito al tuo genio durante i giorni di Louder than bombs e Strangeways, here we come, eppure, puntuale come una rata da pagare, sei sempre stato pronto ogni qualvolta la stampa richiedeva un punto di vista malevolo sulle mezze parole che ho detto dall’ultima era glaciale, da quando il fiume Colorado iniziava a modellare il Grand Canyon. Smettila, per favore. È il 2022, non il 1982.

LEGGI ANCHE ——-> Morrissey: ai suoi concerti in vendita album di altri artisti (firmati da lui)

LEGGI ANCHE ——-> Morrissey: “Vi prego amici miei, pregate per mia madre”

Nessun Commento

Lascia un Commento