In Notizie

Evan Dando (Lemonheads): in arrivo la sua biografia

Evan Dando, storico frontman dei Lemonheads, ha annunciato la pubblicazione del memoir Rumors of My Demise, che uscirà nei prossimi mesi per Simon & Schuster.

16:45:44  – 28/10/2020


credit photo: Brad

Le “memorie” di Evan Dando 

Lo storico frontman dei Lemonheads, Evan Dando, ha annunciato la pubblicazione di un libro edito dalla Simon & Schuster che racconterà la vita del cantante e artista. Il libro si intitolerà Rumors of My Demise – un ironico cenno all’inevitabilità apparente della morte prematura di Dando negli anni Novanta – e traccia la vita selvaggia ed eccessiva del cantante.

“La mia vita è un fiume fangoso. Ho pensato che avrei dovuto aggiungere altro sporco”, ha detto Dando in una dichiarazione del suo libro di memorie, che ha scritto insieme allo scrittore musicale Jim Ruland.

“Dagli esordi nella scena hardcore punk di Boston negli anni Ottanta fino a diventare un’icona degli anni Novanta come cantante dei Lemonheads, Dando è l’incarnazione dell’età d’oro dei tour alternativi rock & roll-baccanali con i Lemonheads, due dischi d’oro e tutti i numerosi eccessi fatti di droghe, sesso e feste “, ha detto Gallery Books, l’editore del libro di memorie, di Rumors of My Demise.

“Il libro di memorie di Dando metterà le cose in chiaro su tutto ciò che i media hanno sbagliato e includerà storie mai raccontate dalla tumultuosa storia della band.  Da com’era essere famosi negli anni Novanta prima che Internet trasformasse tutto in tossicità”.

L’artista 

Evan Dando nasce nel 1967 a Boston e durante il periodo di pausa dai Lemonheads e prima dell’avvio della carriera solista, Dando nel 1998 si lega sentimentalmente alla top-model Elizabeth Moses. Con la sua band ha esordito nel 1987 pubblicando Hate Your Friends.

Il successo arriva in piena epoca grunge nel 1992 con It’s a Shame About Ray quinto album in studio del gruppo.

LEGGI ANCHE ——-> Jeff Ament dei Pearl Jam ha pubblicato un nuovo EP

LEGGI ANCHE ——-> Kurt Cobain e il grunge: riapre a Firenze la mostra fotografica

 

 

Nessun Commento

Lascia un Commento