In Notizie

Beirut: in arrivo una compilation intitolata ‘Artifacts’

I Beirut annunciano la pubblicazione di Artifacts, una compilation composta da 26 brani di EP e B-Side tramite la Pompeii Records.

10:29:29  – 21/10/2021


credit photo: Lina Gaisser

La compilation targata Beirut

Tornano a farsi sentire i Beirut. La band annuncia un nuovo doppio album che raccoglie brani inediti, primi lavori, EP e B-sides. La collezione si chiama Artifacts e sarà ufficialmente disponibile il 28 gennaio tramite la Pompeii Records di proprietà del frontman Zach Condon. Contestualmente all’annuncio il gruppo ha reso disponibile l’ascolto di un primo brano inedito intitolato “Fisher Island Sound” disponibile al link in basso. 

Un flusso temporale lunghissimo quello proposto dai Beirut: Artifacts rappresenta infatti l’evoluzione della band nel corso degli anni e include alcune delle prime registrazioni di Condon all’età di 14 anni, oltre a tracce di tutto il catalogo del gruppo. L’artista ha così dichiarato:

Quando è arrivata la decisione di ripubblicare questa raccolta, mi sono ritrovato a scavare nei dischi rigidi alla ricerca di qualcosa in più da aggiungere alla compilation. Quello che è iniziato come qualche traccia in più inedita dei miei anni formativi di registrazione si è rapidamente trasformato in un intero record extra di musica del mio passato e in un progetto più ampio di remix e rimasterizzazione di tutto ciò che ho trovato per buona misura

La scaletta

Lon Gisland, Transatlantique, O Leãozinho
1. Elephant Gun
2. My Family’s Role In The World Revolution
3. Scenic World
4. The Long Island Sound
5. Carousels
6. Transatantique
7. O Leãozinho

The Misfits
8. Autumn Tall Tales
9. Fyodor Dormant
10. Poisoning Claude
11. Bercy
12. Your Sails
13. Irrlichter

New Directions and Early Works
14. Sicily
15. Now I’m Gone
16. Napoleon On The Bellerophon
17. Interior of a Dutch House
18. Fountains and Tramways
19. Hot Air Balloon

B-Side
20. Fisher Island Sound
21. So Slowly
22. Die Treue zum Ursprung
23. The Crossing
24. Zagora
25. Le Phare Du Cap Bon
26. Babylon

LEGGI ANCHE ——-> ‘Gulag Orkestar’, il valzer balcanico dell’One-man Orchestra diventato Beirut

LEGGI ANCHE ——-> Nuove date in Italia per i Beirut

Nessun Commento

Lascia un Commento